Costruire le 'Soft Skills'

Immagine Costruire le 'Soft Skills'
Il contesto sociale e lavorativo in cui i giovani di oggi si trovano immersi richiede loro competenze e abilità sempre più specifiche e pragmatiche. Allo stato attuale, i giovani spesso prestano poca attenzione proprio a quelle “soft skills” necessarie alla valorizzazione del proprio profilo professionale.  Con il termine soft skills ci riferiamo a: leadership, efficacia relazionale, teamwork, problem solving, comunicazione efficace, collaborazione, negoziazione, flessibilità, tolleranza allo stress, tensione al miglioramento continuo, innovazione, proattività, orientamento al risultato, pianificazione, organizzazione, gestione del tempo e delle priorità, decisione. Sono competenze trasversali che tutti pensiamo di sviluppare in maniera automatica, quasi “naturale” ma, in realtà, spesso ci si trova impreparati, non adeguati al mondo del lavoro proprio per non aver sviluppato alcune di queste competenze. Ma cosa cercano davvero i datori di lavoro in un potenziale lavoratore? È proprio la mancanza di una risposta specifica a questa domanda che non permette di costruire programmi formativi ad hoc che aumentino l’occupabilità dei giovani.

L’esperienza delle organizzazioni giovanili e di volontariato dimostra che è proprio in questi contesti che si sviluppano più facilmente le soft skills di cui sopra. Come mettere a frutto queste esperienze? In Europa si è individuato un metodo specifico: l’educazione non formale. 



OBIETTIVI DEL PROGETTO
La domanda alla quale si vuole rispondere è: Al fine di aumentare l’occupabilità dei giovani nel mercato del lavoro, quali possono essere le “soft skills” da potenziare? Con quali metodi?
Per raggiungere tale finalità generale, con tutti i partner del progetto, ci siamo posti i seguenti obiettivi specifici:
-         Individuare quali sono le soft skills da potenziare;
-         Creare e realizzare dei workshop di educazione non formale che potenziano tali soft skills;
-         Confrontarsi a livello europeo e validare i workshop rendendoli trasferibili.
 
Abbiamo condotto la ricerca internazionale in Italia, Malta, Slovacchia e Polonia e qui trovate i suoi risultati.
Abbiamo creato degli strumenti per formare alle “soft skills” risultate più deboli e le abbiamo testate! 











Pubblicato il 2016-05-26 13:50:26