Blog

esc-factor-lagarde-list-grecia

QUESTA STORIA CI E’ STATA RACCONTATA DAL NOSTRO VOLONTARIO ESC: PANOS, 25 ANNI, GRECO.

L’ex ministro delle finanze greco, Giorgos Papakonstantinou, è stato accusato di aver rimosso i nomi di tre suoi parenti dalla cosiddetta “lista Lagarde”, un documento che contiene i nomi di centinaia di possibili evasori fiscali greci con depositi in Svizzera.

La Lagarde List è un foglio di calcolo contenente circa 2.000 potenziali evasori fiscali con conti non dichiarati presso la filiale di Ginevra della banca svizzera HSBC.
Prende il nome dall’ex ministro delle finanze francese Christine Lagarde, che nell’ottobre 2010 lo ha passato ai funzionari greci per aiutarli a reprimere l’evasione fiscale.

Nel 2006 e nel 2007 un tecnico informatico, Hervé Falciani, avrebbe rubato i dati della banca, contenenti i nomi di clienti di diversi paesi dell’UE, e ha tentato di venderli a diversi governi. Nel gennaio 2009 la polizia ha fatto irruzione nella casa francese di Falciani e ha trovato file informatici su 130.000 potenziali evasori fiscali (24.000 da tutta Europa) e ha iniziato a indagare su di loro. Il governo francese ha quindi passato le informazioni a governi europei selezionati come il Regno Unito per aiutarli a reprimere l’evasione fiscale.

Consegna alle autorità greche:

All’inizio dell’estate del 2010, il servizio di intelligence francese DGSE ha informato l'(allora) capo dell’Agenzia di intelligence nazionale greca che molti di quelli nominati nel dossier Falciani erano greci e che le autorità francesi erano pronte a consegnare un elenco contenente i nomi dei ricchi depositanti greci nelle banche svizzere per aiutare il governo greco a reprimere gli evasori fiscali.
Il capo dell’intelligence greca ha poi informato l’ex ministro delle finanze del governo George Papandreou, Giorgos Papakonstantinou, che ha accettato questa informazione in un incontro con l’allora ministro delle finanze francese Christine Lagarde, a condizione che rimanesse segreto.

Nell’ottobre 2010, Lagarde ha inviato un elenco di 1.991 nomi a Papakonstantinou attraverso i canali diplomatici sotto forma di un CD senza etichetta contenente fogli di calcolo per i circa 2.000 account ora conosciuti in Grecia come “lista Lagarde”.

Papakonstantinou ha poi dichiarato durante un’inchiesta parlamentare di aver “consegnato tutti i fascicoli al nuovo capo della polizia tributaria” – l’Unità per i crimini economici e finanziari della Grecia (SDOE) – “e gli ha chiesto di procedere con un’indagine completa”. Tuttavia, le autorità fiscali hanno scelto di non procedere e Papakonstantinou ha lasciato l’incarico a metà del 2011 e il CD è scomparso.

Il successore di Papakonstantinou, Evangelos Venizelos, ne ha prodotto una copia su una memory stick e ha avviato un’indagine limitata per verificare se qualcuno di quelli elencati avesse evaso le tasse. L’inchiesta ha riguardato solo una decina di politici e non è stata intrapresa alcuna azione legale.
Fu solo quando l’allora nuovo ministro delle finanze Yannis Stournaras chiese a Parigi un’altra copia, che Venizelos ammise di aver dimenticato la chiavetta USB in un ufficio privato e di averla smarrita.

Kostas Vaxevanis pubblica la lista:

Il 28 ottobre 2012, il giornalista ed editore greco Kostas Vaxevanis ha affermato di essere in possesso della lista e ha pubblicato 2.056 nomi in essa contenuti nella sua rivista Hot Doc. Il giorno dopo è stato arrestato per violazione delle leggi sulla privacy, un reato con una possibile condanna fino a due anni di carcere. Tre giorni dopo, Vaxevanis fu processato e dichiarato non colpevole.

Il giornalista ed editore greco Kostas Vaxevanis

Il modo in cui i servizi pubblici gestiscono la questione della lista rimane poco chiaro, fino ad oggi.
Molti dei nomi sulla lista sono stati scagionati dalle accuse, ad oggi il popolo greco che non ha ancora un quadro chiaro della questione ed uno scandalo noto in tutto il mondo come questo è stato lasciato nel labirinto della burocrazia greca.

Nel gennaio 2011 i giornali italiani hanno cominciato a pubblicare le prime indiscrezioni sulla parte italiana della lista Lagarde. Secondo alcuni la lista conterebbe i nomi di circa 7 mila italiani, tra cui numerosi personaggi famosi. Dopo quasi due anni dal suo ricevimento, però, la lista Falciani non ha prodotto nessun risultato.
Varie Commissioni tributarie e altri tribunali hanno stabilito che la lista è inutilizzabile: i dati sono stati rubati e quindi non possono essere utilizzati come prova in tribunale.

ESC FACTOR, Storie d’Europa:



ESC FACTOR, Storie d’Europa:

La campagna di comunicazione ESC FACTOR, Storie d’Europa nasce dall’esperienza di un workshop sulla comunicazione multicanale che ha ulteriormente arricchito il bagaglio personale dei giovani volontari del progetto ESC, European Solidarity Corps che vivono da mesi presso Il paguro Ostello, piccola casa per giovani europei, un bene confiscato ai Casalesi in cui Giosef Italy ha creato un ostello della gioventù, a Casapesenna.
Durante gli scorsi mesi i giovani coinvolti hanno avuto modo di conoscere la storia d’Italia, attraverso una serie di incontri che hanno avuto come tema principale la storia dell’Antimafia.

Dalla consapevolezza che una storia così importante e conosciuta nel nostro paese sia spesso ignorata dagli altri giovani europei, è nato questo progetto.
Ci siamo detti, e se adesso raccontassimo ai nostri lettori delle storie che hanno cambiato la storia dei vostri paesi d’origine ma che non sono conosciute dal pubblico italiano?

Così è nata l’idea di THE ESC FACTOR, un progetto di condivisione di storie di movimenti e di persone che hanno in comune una sola cosa: il coraggio della libertà, la voglia di giustizia, la lotta per l’affermazione dei diritti civili, in ogni loro forma, al di là di ogni confine.



ESC FACTOR, Storie d’Europa:

La campagna di comunicazione ESC FACTOR, Storie d’Europa nasce dall’esperienza di un workshop sulla comunicazione multicanale che ha ulteriormente arricchito il bagaglio personale dei giovani volontari del progetto ESC, European Solidarity Corps che vivono da mesi presso Il paguro Ostello, piccola casa per giovani europei, un bene confiscato ai Casalesi in cui Giosef Italy ha creato un ostello della gioventù, a Casapesenna.
Durante gli scorsi mesi i giovani coinvolti hanno avuto modo di conoscere la storia d’Italia, attraverso una serie di incontri che hanno avuto come tema principale la storia dell’Antimafia.

Dalla consapevolezza che una storia così importante e conosciuta nel nostro paese sia spesso ignorata da giovani europei, è nato questo progetto.
Ci siamo detti, e se adesso raccontassimo ai nostri lettori delle storie che hanno cambiato la storia dei vostri paesi d’origine ma che non sono conosciute dal pubblico italiano?

Così è nata l’idea di questo progetto di condivisione di storie e di persone che hanno in comune una sola cosa: la lotta per l’affermazione dei diritti civili, in ogni loro forma, al di là di ogni confine.